giovedì 30 gennaio 2014

Recensione: Requiem di Lauren Oliver


Requiem (Delirium #3)
Lauren Oliver
Piemme Freeway
€ 17,00
336 pg


Mi chiamo Lena e sono infetta, perché mi sono innamorata di Alex in un mondo in cui l’amore è considerato una malattia, e come una malattia viene curato. Io e Alex siamo scappati, ma poi ci hanno separati. Io sono andata avanti, ho incontrato Raven e gli altri ragazzi della Resistenza. Ho imparato a combattere per quello in cui credo, a lottare per essere davvero me stessa. E ho incontrato Julian che è il ragazzo più dolce del mondo e mi vuole con sé. Poi però Alex è tornato, quando pensavo di averlo dimenticato, quando mi ero convinta di riuscire a fare a meno di lui. E ora, mentre il mondo attorno a noi cade a pezzi, io sto male, e penso che forse avevano ragione loro: l’amore è davvero una malattia!


Delirium amoris nervosum. Ci sono coloro che hanno deciso di essere curati dal morbo, e ci sono coloro che invece hanno deciso di soccombere a tale malattia. Ci sono gli Zombie e ci sono gli Invalidi. Chi dei due ha ragione? L’amore è una malattia che genera caos, disordini, violenze e odio, oppure è un sentimento che unisce le persone e le rende vive?

Benvenuta nel mondo libero. Diamo alla gente il potere di scegliere. Sono addirittura liberi di fare la scelta sbagliata. Fantastico non trovi?

mercoledì 29 gennaio 2014

Selfpublishing Made in Italy: La Besta dagli occhi di ghiaccio e Il battito della Bestia

In questa giornata uggiosa vi presento due libri molto particolari come al solito opera di scrittori di casa nostra ed in comune un particolare del titolo. Il primo libro è di un autore, una presenza maschile ogni tanto ci vuole, alla sua seconda prova con un fantasy dai risvolti horror e thriller. L'altro libro è invece il secondo volume di una serie che vi avevo già presentato l'anno scorso e purtroppo non ho ancora avuto modo di leggere dalle atmosfere oniriche.

 La Bestia dagli occhi di ghiaccio
Davide Simoncini
 € 0,89 - 192 pg
1993, Garfagnana. Santo è alla ricerca di un tesoro, un tesoro che i suoi avi hanno nascosto per paura che qualche brigante lo potesse sottrarre agli abitanti di Col di Favilla. Sospetta che qualcuno sia sulle sue tracce e sia risoluto nel proprio scopo, tanto da poter commettere uno dei più atroci massacri ricordati nella storia delle montagne... 
Oggi, 2014, Garfagnana. Ottavio e Linda sono due semplici amici con la passione per la montagna, entrambi decisi a non impegnarsi. Almeno fino a quando si ritrovano dentro una spirale di morte, un incubo che prende forma da un ricordo lontano, ciò che è accaduto tanti anni prima. 
E che adesso è tornato, pronto a riportare il tormento sulle montagne... 
Qualcosa ha minato la quiete della foresta. Quel qualcosa ha provocato una reazione a catena, una serie di eventi temuti perfino dagli abitanti della montagna. La cosa si è risvegliata, decisa a vendicare le offese del passato, determinata a ristabilire un equilibrio ormai perduto. Niente può sbarrargli la strada, nessuno può scampare al destino scritto nel momento stesso in cui gli ingranaggi della vendetta hanno cominciato a girare di nuovo. 
Dopo anni di letargo, ora la pace sta per finire. 
Perché dopo anni di riposo la bestia ha riaperto gli occhi. 

Ecco il booktrailer del libro e per maggiori informazioni il sito internet QUI



 Il Battito della Bestia
(Oltre i confini #2)
Noemi Gastaldi
 € 0,99 - 228 pg

" - Possiamo parlarne?- le chiese la bimba nel cuore della notte. 
Lucilla si svegliò e la vide: risplendeva nella stanza buia. 
- Parlarne?- rispose trafelata, senza realizzare del tutto che uno spettro fatto di freddo e di rabbia le stesse gentilmente rivolgendo la parola. 
- Ti ricordi di me?- Domandò ancora la Larius. - Anni fa ti chiesi di liberarmi. Ti chiesi di uccidermi. Ora non voglio più morire.- 
- Tu sei già morta…- riuscì a dire la Viator." 

Lucilla si risveglia dopo la battaglia, incredula, incapace di accettare l'idea che il mondo oltre i confini sia stato dissolto. 
Ma le basterà trovare il coraggio di affrontare la situazione, per accorgersi che le due facce della realtà, simbionti e inscindibili, sono soltanto cambiate.



Anche per questa uscita vi presento il booktrailer, mentre per contattare l'autrice la pagina Facebook QUI e il sito QUI


Quale dei due vi ha colpito di più?

lunedì 27 gennaio 2014

Quarta Tappa Blogtour Il Fascino dell'Oscurità di Isabel C. Alley

Buon lunedì miei cari amici! Iniziamo questa settimana con la quarta tappa del Blogtour de Il Fascino dell'Oscurità di Isabel C. Alley. Qualche giorno fa avevo già avuto occasione di presentarvi questo libro in uscita a Febbraio e le tappe del Blogtour organizzato dall'autrice (QUI), quindi eccoci finalmente alla tappa associata al mio piccolo angolo tra le stelle dove avremo modo di conoscere un nuovo personaggio: la cacciatrice Jenny.
Ma prima un breve ripasso delle tappe nel caso ve ne fosse persa qualcuna:
1° tappa: Giovedì 16 gennaio – I primi capitoli in anteprima – Atelier dei Libri
2° tappa: Lunedì 20 gennaio – Frozen o Moony Club: e tu quale locale frequenti? – Storie di notti senza Luna
3° tappa: Venerdì 24 gennaio – L’intervista collettiva a Lorenzo Ferranti – Romanticamente Fantasy
4° tappa: Lunedì 27 gennaio – Lo spazio di Jenny – Stelle nell’Iperuranio
5° tappa: Giovedì 30 gennaio – Personaggi e colori: animo e carattere – Libri da Favola
6° tappa: Lunedì 3 febbraio – Il primo incontro tra Jenny e Lorenzo – Sognando tra le righe
7° tappa: Giovedì 6 febbraio – La Playlist del libro – Coffee and Books
8° tappa: Lunedì 10 febbraio – L’intervista all’autrice – Gilly in Booksland
Adesso passiamo a conoscere Jenny
Toc toc, c'è nessuno? Posso entrare?
Oddiooo, che bel posto, pieno di libri, di colori, di musica! Ma è qui la festa? E dove siete tutti?
Ah, eccovi. Sapevo che vi avrei trovato. Dite la verità, siete venuti qui per me, o sbaglio? Capperi, che emozione! È la prima volta che ho uno spazietto tutto mio, quindi mi è venuta un po' d’ansia da prestazione.
Mmm, forse vi aspettavate di vedere Isabel. Nossignori, questa volta ci sono io a farvi compagnia! Allora? Come state? Che mi raccontate? Ah sì, avete ragione, tocca a me parlare. Però non so da dove cominciare.
Alzi la mano chi mi conosce! Ehm, nessuno? Proprio nessuno nessuno? Uh, una persona c'è, là! Ah no, si stava solo grattando la testa.
In fondo dovevo aspettarmelo. D'altronde sono qui apposta, no? Per farmi conoscere da voi, per rubare un momento di notorietà a Isabel. Ne avrò diritto anch’io, non credete? Insomma, non è giusto! È sempre lei che parla. E il lavoro all'agenzia, e i vampiri, e Stephan, e Lorenzo, e le bollette, e il traffico, e i berserker... capisco che il diario sia suo, ma una riga anche per me potrò pure ritagliarla, o no?
Come preferite che mi presenti? Carta d'identità, curriculum vitae, tema di terza elementare, circolo degli alcolisti anonimi... Ciaooo a tutti, mi chiamo Jennifer Costanzini, ho diciannove anni e non bevo da due giorni. Mmm, no, non è l'esempio adatto; non sono una grande consumatrice di birra o vino o che so io. Se c'è una cosa di cui abuso sono i libri e i videogiochi (e Amazon, sì in effetti ordino qualcosa in quello store almeno una volta ogni quarantotto ore, se non consideriamo gli ebook. Sapete? Gli e-reader risolvono molti problemi di spazio. Altrimenti dove avrei messo tutti i miei libri quando mi sono trasferita?).
Ah, non vi ho avvisato prima, ma si nota che parlo troppo? Isa sostiene che dovrei rallentare, concentrarmi sul ragionamento e frenare la lingua, ma non è colpa mia se i miei pensieri corrono troppo velocemente e spingono per uscire dalla mia testa! Sai te che casino se me li tenessi tutti dentro?
Dicevo... sono una pazza scatenata che divora più storie che maccheroni, in qualunque salsa. Prediligo (prediligo? Caspita, che parolona!) il fantasy, sì, quello dove ci sono i draghi, gli orchi, gli elfi, la magia, i paladini, gli stregoni e compagnia bella. Vuoi sapere qual è l'arma più potente in Dragon Age Origins? Ce l'ho! Vuoi conoscere la miglior strategia per raccogliere più monete possibili in Final Fantasy 7? Risposta pronta! Vuoi l'elenco dell'albero genealogico di tutte le casate di Game of Thrones? Inizia a chiedere.
Alcuni potrebbero pensare che io sia infantile, ma in fondo che male faccio? Ho due lavori e ci pago pure le tasse sopra (a proposito, ma che figata pazzesca è cacciare vampiri?), ho avuto un ragazzo (la mia situazione sentimentale non è così tormentata come quella di Isa), ho un sacco di amici (non solo su Facebook) e non sono una delinquente (il massimo che io possa fare è rubare una pozione per il mana dallo scrigno nascosto dietro le tende di una sala del trono, ma ce l'hanno messo apposta gli sviluppatori, e che cavolo!). Insomma, vivo nel mio mondo fatato e ammetto che, se non ci fosse stato quello, tante volte mi sarei sentita sola nella mia grande casa.
Come ci sono finita qui? Bella domanda! Ma lo spazio a mia disposizione è terminato, perciò vi lascio il piacere di togliervi questa curiosità tra le pagine dei Diari scritti dalla mia super mega tutor.
Ah, siete tutti invitati da noi, stasera: sfidona collettiva a Guitar Hero. Isa non lo sa, ma le facciamo una sorpresa, che ne dite? In fondo sono convinta che le piacerà passare un'allegra serata in compagnia di tanti splendidi amici come voi. L'indirizzo lo sapete, no? Ore otto e mezza, mi raccomando, non mancate! Tanto oggi non siamo di ronda...
Ah, e se qualcuno di voi avesse dei contatti con quello strafigo di Lorenzo Ferranti, chiami anche lui.

Allora cosa ne pensate? Simpatica ed esplosiva la ragazza! Per conoscerla meglio non dovete far altro che leggere Il fFscino dell'Oscurità e vedremo se sarà in grado di fare amicizia con Isabel! Nel frattempo rispondete a questa domanda:

"Jenny adora gli animali. Se avesse deciso di frequentare l'università, la sua scelta probabilmente sarebbe caduta su Veterinaria. In base a ciò che avete letto in questa tappa del Blogtour, a quale animale assocereste Jenny e perché?"

Per concludere ecco le regole per partecipare al Giveaway finale e il form da compilare

- Iscrivetevi come lettori fissi ai blog che partecipano al blogtour (potete farlo cliccando nella finestra che riporta la scritta SEGUI QUESTO BLOG); - Compilate il form sottostante con lo stesso nome che appare quando lasciate i commenti sul blog; - Compilate il form sottostante con l'indirizzo e-mail a cui potrete essere contattati in caso di vittoria; - Scrivete un commento a questo post, in base alla domanda che vi viene posta nella tappa del blogtour. Nel form potete trovare modi per ottenere punti extra. Nelle singole istruzioni, dovete mettere il link di ciò che vi viene chiesto. Qui sotto vi riporto un elenco di quello che potete fare: - Mettere "mi piace" alla pagina Facebook di Isabel C. Alley; - Seguire Isabel C. Alley su Twitter; - Condividere il giveaway su Facebook (una volta al giorno); - Condividere il giveaway su Twitter (una volta al giorno); - Per chi ha un blog o un sito, condividere il banner del blogtour nella barra laterale del vostro blog (nel form dovete inserire l'indirizzo del vostro blog); - Scrivere un post sul vostro blog e inserire l'indirizzo dell'articolo nel form; Per qualunque domanda sul giveaway, potete scrivere a Isabel C. Alley su Facebook, Twitter o attraverso i contatti segnalati sul sito ufficiale di "I Diari di Isabel".

Giveaway Il Fascino dell'Oscurità

Avete tempo fino a domenica 23 febbraio per partecipare. 
In bocca al lupo!

sabato 25 gennaio 2014

Recensione: I Predatori Oscuri di Julia Sienna


I Predatori Oscuri (The Dark Hunt #1)
Julia Sienna
Gainsworth Publishing
€ 22,50
608 pg


In un mondo futuro, ritornato agli albori della civiltà dopo l'autodistruzione della razza umana, la Magia vive nascosta all'occhio di chi non sa scorgerla, contribuendo in segreto a mutare le sorti delle Nuove Terre. Quando Oron lascia la locanda del Dragorosso per una battuta di caccia insieme al cugino, è convinto di essersi finalmente guadagnato un'occasione per rilassarsi e dimenticare tutti gli strani avvenimenti che, da un paio di giorni, avevano reso così particolare la sua tranquilla vita nella regione di Ford. L'arrivo di un misterioso cavaliere al villaggio e il diffondersi di voci sull'avvistamento di spaventose creature nelle foreste avevano trasformato le sue notti serene in incubi, ma Oron è deciso a lasciarsi tutto alle spalle, almeno per quel caldo pomeriggio di inizio autunno. Mai avrebbe pensato che, da quel giorno, la sua vita sarebbe cambiata per sempre e che da cacciatore si sarebbe trasformato in preda, diventando protagonista di un gioco sanguinario che continua da più di cinquecento anni.


In una giornata limpida e piacevole il giovane Oron Grimford non sospetta minimamente che la sua esistenza sta per essere totalmente stravolta, nel giro di poche ore infatti si ritrova in viaggio insieme al cugino Irie e ad un misterioso arciere di nome Elmyn in fuga dalle mostruose creature che gli stanno dando la caccia. Presto si unirà a loro Eanor, comandante dei Dumain e principe del regno di Ilien. La missione di On è ritrovare il medaglione che gli permetterà di sconfiggere Draug, un demone che da secoli tenta di eliminare la razza umana riportando il mondo alle sue origini quando padroni indiscussi di quelle Terre erano gli Immortali. I suoi emissari sono alla ricerca del ragazzo e lui dovrà fare di tutto per rimanere in vita. La Caccia è iniziata.

mercoledì 22 gennaio 2014

Prossime Uscite Sperling: La cacciatrice di fate e Storia di una ladra di libri

Per il mese di febbraio sono previste per la Sperling & Kupfer due uscite molto interessanti e completamente agli antipodi!!!

Dal 18 Febbraio
 La cacciatrice di fate
Elizabeth May
 € 16,90 - 336 pg

Edimburgo, 1844. La giovane Lady Aileana, figlia del marchese di Douglas, nasconde un segreto. Di giorno è una perfetta gentildonna alle prese con gioielli, vestiti e feste scintillanti. Di notte è una spietata cacciatrice di fate. Da quando sua madre è morta per mano di una creatura soprannaturale, Aileana ha giurato vendetta
e ha iniziato a combattere le fate insieme con l’affascinante folletto rinnegato Kiaran. Ed è proprio grazie a Kiaran che la ragazza scopre lo straordinario destino che la attende: lei è l’ultima cacciatrice, l’unica in grado di proteggere gli uomini la notte in cui tutte le fate si risveglieranno: la notte del solstizio d’inverno.

La storia sembra interessante anche se la cover italiana non mi convince, in confronto quella inglese e americana sono spettacolari!!!



Dal 25 Febbraio
 Storia di una ladra di libri
Markus Zusak
 € 16,90 - 576pg

Nella Germania nazista, quando tutto è in rovina, una bambina di nove anni intraprende la sua carriera di ladra. Al principio è la fame a spingerla, e il suo bottino consiste in qualche mela, ma poi il vero prezioso oggetto dei suoi furti diventano i libri. Perché rubarli significa salvarli, e soprattutto salvare se stessa. Liesel è in fuga dalle macerie della sua casa e della sua famiglia, accompagnata dal fratello più piccolo e diretta al paese vicino a Monaco dove l’aspetta la famiglia che li ha adottati. Il bambino non resiste al gelo dell’inverno e muore, ed è proprio vicino alla sua tomba che Liesel trova il primo libro. Il secondo lo salva dal fuoco di uno dei tanti roghi accesi dai nazisti. Con il trascorrere dei giorni il numero dei libri cresce e le parole diventano compagne di viaggio, ciascuna testimone degli avvenimenti spaventosi ai quali la bambina sopravvive, protetta dai suoi immortali custodi.

Da questo libro è stato tratto un film uscito nelle sale americane a Novembre 2013 e in arrivo in Italia nel 2014, ecco il trailer

lunedì 20 gennaio 2014

Selfpublishing Made in Italy: La Rosa e la Bestia e Rip2

Eccomi al consueto appuntamento con la rubrica dell'auto pubblicazione made in Italy ed i nomi che vi vado a fare oggi sono per me assolutamente una garanzia, avendo già letto e recensito diverse loro pubblicazioni. Oggi vi parlerò dei seguiti di due serie i cui primi volumi  hanno esordito poco prima di Natale.

 La Rosa e la Bestia
Una fiaba Dark
Luana Semprini
 € 0,99 - 115 pg
Rosaspina è prigioniera della perfida Roxane, la strega che l’ha maledetta fin dalla nascita, costringendola a dormire per un secolo. Riuscirà a scappare e a ritrovare l’amato/odiato principe Caspian? 
Che ne è stato di lui? La risposta non sarà così scontata come sembra e ancora una volta Rosaspina dovrà affrontare i demoni, sia quelli del suo cuore che quelli reali. 
Capitolo finale della duologia “Rosaspina, una fiaba dark” , storia liberamente ispirata alla fiaba della Bella Addormentata nel Bosco. 

La recensione del primo volume di questa nuova duologia della bravissima Luana Semprini la trovate QUI

RIP2 - Rest in Peace ...Please!
Violet Nightfall
 € 0,99 - 36 pg

C’è un luogo, in America, dove tutto è possibile…
Benvenuti a Hellsgate, dove l’ospitalità della gente, la prelibatezza culinaria e la tranquillità che ivi si respira, vi faranno desiderare di restare in eterno.
Avevamo lasciato Breanna e Ivan alle prese col loro destino e forse pensavate che i racconti di Hellsgate fossero nati e morti con il primo di questa serie “A very UNDEAD Xmas”… ma non è così!
Questa volta i protagonisti saranno Thore e Julian, amici e compagni di stanza all’università, giunti per caso a Hellsgate, mentre cercano la strada per Eerierock, dove passeranno un rovente Capodanno in compagnia delle gemelle Milligan.
Le atmosfere si tingono di nero, meno risate che lasciano però spazio all’horror e al mistero!
RIP ² – Rest in Peace… Please! è il secondo racconto dedicato a Hellsgate. Qui entreremo nel vivo della storia, che finalmente prenderà forma. La stessa Hellsgate si delineerà maggiormente e inizieremo a comprenderla meglio.
Il racconto verrà interrotto da quello di Febbraio (uno spin-off GRATIS e dedicato a San Valentino) che pubblicherò verso Febbraio/Marzo. Le avventure di Thore e Julian continueranno nel 4° che uscirà tra Maggio e Giugno



Quale dei due consiglio?
Entrambi, che domanda!

sabato 18 gennaio 2014

Recensione: Il profumo del Sud di Linda Bertasi


Il profumo del Sud
Linda Bertasi
Butterfly Edizioni
€ 14,00
226 pg

Luglio 1858. Un piroscafo prende il largo dal porto di Genova verso il Nuovo Mondo. Sul ponte, Anita vede la terraferma allontanarsi e, con essa, tutto il suo passato: una famiglia alla quale credeva di appartenere, i suoi affetti, una scomoda verità. A condividere il viaggio con lei, la matura Margherita e il suo protetto, il seducente Justin Henderson. Giunti in America, Margherita convince Anita ad essere sua ospite per qualche tempo, nella sua dimora a Montgomery. La ragazza accetta, sicura di dover ripartire al più presto. A farle cambiare idea saranno le bianche colline del Sud e un tormentato amore più forte delle sue paure. All’orizzonte, l’ombra oscura della guerra civile.


Su un piroscafo diretto verso il nuovo mondo Anita Dalmasso dirà addio al suo passato e al suo stesso nome per assumere quello di Isabella Giordano, qui incontrerà una donna che l’aiuterà a cambiare il suo destino ed un uomo che lo segnerà per sempre. Il sud con i suoi campi percorsi dagli schiavi la cui pelle risalta sul bianco del cotone, tra imponenti ville e profumo di fiori di magnolia la sua vita troverà un senso ma lo scoppio della guerra di Secessione con il suo orrore e il suo odio cambieranno nuovamente la sua vita.

venerdì 17 gennaio 2014

Quinta Tappa Hellsgate Chronicle Blogtour: Hellsgate, la Città Maledetta



Oggi il mio piccolo angolo tra le stelle ospiterà una tappa del Hellsgate Chornicle Blogtour. Cosa sono le Hellsgate Chronicle? Sono una serie di racconti ambientati nella maledetta città di Hellsgate scritta da un'autrice il cui nome non vi suonerà nuovo, Violet Nightfall. Il primo racconto A very Undead Xmas è uscito poco prima di Natale mentre il secondo RIP ² – Rest in Peace… Please!  è da pochi giorni disponibile negli store online., per San Valentino è prevista l'uscita di un racconto gratuito ed infine nei prossimi mesi avremo modo di leggere il terzo racconto che conclude la serie.
Questo Blogtour ideato da Violet in collaborazione con diversi blog vi permetterà di buttare uno sguardo al mondo da lei creato ma anche farvi una cultura in merito agli zombie, protagonisti indiscussi della serie. Alla fine ci sarà anche un giveaway che vi permetterà di vincere due copie digitali del primo racconto.

Ecco un riepilogo delle tappe
Venerdì 20 Dicembre: Il rumore dei Libri Presentazione serie e Blogtour
Venerdì 27 Dicembre: Peccati di penna Intervista a Violet Nightfall

Venerdì 03 Gennaio: Beira’s Heart Dalle parole all’immagine – Intervista a Violet (Purple Monkey Studio - Digital Art): la realizzazione della cover
Venerdì 10 Gennaio: The Secret Door Recensione
Venerdì 17 Gennaio: Stelle nell’Iperuranio Hellsgate, la città maledetta
Venerdì 24 Gennaio: Atelier di una lettrice compulsiva Personaggi
Venerdì 31 Gennaio: Atelier di una lettrice compulsiva Intervista doppia Breanna//Ivan
Venerdì 07 Febbraio: La mia strada fino a qui Zombie (Dalla storia cinematografica//Letteraria a quelli della serie)
Venerdì 14 Febbraio: Le passioni di Brully  Giveaway


Ed ora ecco a voi Hellsgate la città maledetta nelle parole e immagini di Violet


Hellsgate – History
Dagli appunti di Logan Cooper

 Hellsgate venne fondata nel 1862 da una minoranza protestante, in fuga da Gettysburg, in Pennsylvania, facente parte di Adams County e teatro di una delle più sanguinarie battaglie della guerra di secessione americana, per l’appunto “la battaglia di Gettysburg”.
 Il nome originario di fondazione (Blissdale – Valle della beatitudine) fu deciso da Padre Robert P. Lee, sulla base di un sogno fatto qualche notte prima lo scoppio della battaglia di Gettysburg:

 “Faceva caldo, un caldo torrido. Da due giorni vagavo per i boschi, con un gregge di cinquanta capi al seguito, ma non vi era modo di trovare riparo o provviste…
 Il terzo giorno Dio venne in mio soccorso, mostrandomi la strada. Una vallata rischiarata dalla sua benevolenza, generosa e produttiva. Lì trovai conforto e lì fondai la mia nuova casa…”
Dal diario di Padre R. P. Lee


La città crebbe fiorente e in pochi anni decuplicò il numero dei suoi abitanti; tale era la bellezza e l’ospitalità di Blissdale da indurre decine e decine di persone a trasferircisi senza indugio, perfino famiglie provenienti da altri continenti.

 Questo accadde anche allo scrittore Christopher Carter (scrittore dell’incubo, da sempre ossessionato da Edgar Allan Poe; purtroppo la sua popolarità non raggiunse mai quella del suo idolo), originario di Birmingham, una tra le città più popolose di tutta la Gran Bretannia. Vedovo e con una bambina di cinque anni da mantenere (Mary Ann Carter), stanco della caotica Birmingham decise di trasferirsi a Blissdale (nel 1879) e ricominciare la sua vita da capo.

 “Mary Ann sta sempre peggio, fin da piccinina ha sofferto di terrori notturni, paradossale per uno scrittore dell’incubo come me. I suoi sogni angosciosi si sono intensificati qualche settimana fa. Pensavo che il trasferimento a Blissdale, fuori dallo stressante tram tram cittadino, le avrebbe fatto bene invece, da mere visioni notturne, i suoi incubi si sono tramutati in realtà… almeno a sua detta.
 Gli abitanti iniziano ad aver paura di lei e di ciò che vede…
Dalle corrispondenze di Christopher Carter

 Nel 1882 un grave incidente sconvolse Blissdale; Mary Ann Carter venne trovata priva di vita sulle scalinate della grande chiesa che sorgeva sul punto più alto della città.

 “Mary Ann è morta. Ieri pomeriggio non è tornata a casa da scuola… l’ho cercata dappertutto senza successo. L’hanno uccisa… quei mostri hanno ucciso il mio piccolo usignolo…”
 Dai documenti privati di Christopher Carter

 Secondo i referti medici, Mary Ann Carter soffriva di una non ben identificata psicosi infantile (probabilmente schizofrenia infantile, anche se il termine schizofrenia venne coniato diversi anni dopo), che le provocava ripetute allucinazioni, peggiorate con la crescita e in maniera esponenziale dopo il trasferimento a Blissdale, una comunità dalle radicate credenze religiose.

 Due furono gli avvenimenti che precedettero la morte della bambina: il primo, la scomparsa di una delle sue compagne di classe. Il secondo, la morte improvvisa di una delle sue insegnanti.
 Le cronache locali riportano i fatti in maniera molto dettagliata e accennano anche a un’implicazione di Mary Ann nei casi. Sembra, infatti, che la piccola avesse “predetto” il destino di sangue della sua compagna e poi dell’insegnante, nei giorni precedenti.
 Nessuno attribuì questa “capacità” alla malattia psichica di Mary Ann, additandola come mostro.
 Nei referti degli enti di controllo di Blissdale il nome di Mary Ann appare e scompare in poche righe senza dare nessuna spiegazione; il giornale locale invece e i resoconti del padre, riportano una realtà grottesca, lontana dall’immagine di perfezione che Blissdale si era costruita attorno.

 “… quando questa mattina mi è stato richiesto di identificare il cadavere di mia figlia non potevo credere a ciò che i miei occhi mi stavano mostrando. Il suo piccolo corpicino era segnato da innumerevoli lividi, la dentatura completamente spaccata e la bocca zeppa di incrostazioni di sangue rappreso. I suoi bellissimi capelli biondi erano diventati completamente bianchi… figlia mia, dov’ero io mentre ti facevano tutto questo?
Dagli scritti privati di Christopher Carter

 Secondo il giornale che si occupò della tragedia, Mary Anne venne sequestrata all’uscita della scuola e gettata in mezzo alla folla, proprio al centro di Blissdale, ai piedi della chiesa.
 La rabbia incontenibile della popolazione per gli avvenimenti che si stavano abbattendo sulla città (le morti e sparizioni improvvise e inspiegabili non si limitavano a quelle predette da Mary Ann), si scatenò sulla bambina a cui venne attribuita la colpa di tutto senza alcuna esitazione.
 Mary Ann venne lapidata davanti alla grande chiesa di Blissdale; la manifestazione si placò solo quando la piccola non riuscì più a muoversi. Dopo il riconoscimento del corpo, Mary Ann venne lasciata sulla scalinata per ben tre giorni e tre notti, a monito per il resto dei “possibili mostri”…
 Nonostante il padre avesse preteso con tutto sé stesso la sepoltura dignitosa della figlia, il suo desiderio venne accolto solo il quarto giorno. Mary Ann venne tumulata in un angolo del cimitero di Blissdale, in una tomba senza nome né lapide.

 La storia di Mary Ann, che riempì i rotocalchi di Blissdale e dintorni per svariati giorni, si eclissò in brevissimo tempo e la città sembrò riprendere i propri ritmi.
 A Carter venne permesso di rimanere a Blissdale ma fu costretto a cambiare casa, ai margini della città.
 La sua carriera come scrittore decollò in questo periodo e produsse innumerevoli racconti horror che avevano per protagonista il “riflesso” di Blissdale, la sua vera natura, ciò che il resto del mondo non riusciva a vedere e il marciume che fermentava sotto le sue fondamenta.
 Carter aveva ribattezzato questa città Hellsgate, cancelli dell’inferno.
 Qui si interrompono i documenti di Carter e della città stessa e non è stato semplice reperire ciò che sto per scrivere…

 Pensavo che la perduta Blissdale si fosse spenta come molte delle città post coloniali d’America, per una malattia o per l’inagibilità del posto… Blissdale non è sparita, ha solo cambiato forma.
 Due anni dopo la morte di Mary Ann (secondo i documenti che ho ritrovato), Christopher Carter perse la testa e in un ultimo slancio di rancore, maledisse Blissdale tra le pagine dei suoi romanzi per il crimine di cui si era macchiata. Si suicidò all’interno della chiesa, attorniato dai suoi romanzi.

 “Dio ci è testimone, volevamo solo proteggere le nostre vite. Il seme del diavolo si nascondeva negli occhi di quella creatura e ora per colpa sua siamo costretti a vivere le pene dell’Inferno.
 Qualcosa è cambiato dopo la morte di Carter. La terra trema e le fondamenta della città si spaccano, vomitando sangue sulle strade. Le tenebre sono calate su di noi come un guanto e ci è impossibile uscire dalla città, mentre la nebbia avvolge tutto e tutti, nemmeno il sole riesce a dissipare la sua coltre.
 Il corpo di Carter è barricato dentro la nostra chiesa… da lì ha avuto inizio tutto. Aveva forse intenzione di terminare le nostre vite nello stesso luogo in cui noi abbiamo terminato quella di sua figlia?
 Un gioco macabro il suo, si è sprangato dentro con i suoi libri. Immediatamente la terra ha iniziato a tremare e a spaccarsi, la nebbia si è addensata oltre le porte della chiesa e spire di tenebra si sono allargate a tela di ragno raggiungendo ogni angolo della città.
 Sono passati due anni da quando Mary Ann è morta…”
 Dai diari di J. P. Lee, figlio del precedente pastore di Blissdale.


Sembra che dopo quell’avvenimento la città sia mutata inesorabilmente e che dieci giorni dopo gli avvenimenti descritti dal Pastore Lee, tutti gli abitanti di Blissdale furono ritrovati morti, uccisi da uno strano morbo simile alla peste nera.

 Gli enti governativi della Pennsylvania lasciarono cadere la cosa, insabbiandola, incapaci di spiegare gli avvenimenti.
 Blissdale venne cancellata dalle mappe.
 La scritta Hellsgate, venne trovata sulle scalinate della chiesa, scritta a sangue dal Pastore di Blissdale… da quel momento, il vuoto cartografico che corrispondeva con Blissdale, venne rinominato Hellsgate, la città dormiente, i cancelli dell’inferno.

 Non so bene che cosa sia successo negli anni successivi, ma sembra che la città non dorma del tutto… che ogni dieci anni si risvegli.
 Tutto ciò che mi rimane da fare è controllare con i miei stessi occhi.

                                           Hellsgate – Geografia
Per la costruzione geografica di Hellsgate, da brava fan della serie di Silent Hill, ho deciso di utilizzare la stessa città che i produttori del film dell’omonima serie di videogiochi horror hanno preso come “esempio” per la costruzione della loro città da incubo: Centralia.

CENTRALIA (Pennsylvania)

La città sorse all'inizio dell'Ottocento sopra un enorme giacimento di antracite, carbone fossile puro al 95%, che venne estratta in quantitativi industriali fino alla fine del secolo diciannovesimo, lasciando infine nel sottosuolo una serie di pozzi abbandonati; caratteristiche della antracite sono la sua estrema durezza, che in passato ne rese difficile l'estrazione, e il fatto che sia di difficile accensione e ancora più difficoltoso spegnimento.
 Nel 1962 Centralia contava circa 2.000 abitanti, quando a seguito dell'immissione di rifiuti ardenti in un pozzo dismesso, usato come discarica illegale, la vena carbonifera prese fuoco.
 Inutili furono tutti i tentativi di estinguere l'incendio sotterraneo, che ben presto manifestò i suoi effetti anche in superficie: ceneri, nuvole di fumo bianco ed acre, moria di alberi, scioglimento dell'asfalto con conseguente formazione di crepe sulle strade e voragini nel terreno.
 L'incendio continua ancora oggi nel sottosuolo di Centralia. Nel ventennio successivo la popolazione venne progressivamente evacuata, molti edifici abbattuti e Centralia divenne una cittadina fantasma.
 Le persone si sono trasferite perlopiù nelle comunità vicine.

Un altro evento drammatico che segnò la cittadina fu quando, il 14 febbraio del 1981, Todd Dombowski, 12 anni, sprofondò in una buca apertasi a causa dei fumi. Cadde fino all'altezza di circa 2 metri, quando sotto di lui si apriva un fosso bollente di circa 10 metri, e sarebbe probabilmente deceduto, se le sue grida non fossero state udite da un coetaneo che passava di lì, che avvertì i soccorsi; il ragazzino venne salvato in tempo.
 Successivamente la temperatura della zona dove Dombowski era precipitato venne misurata, e risultò essere di circa 300 gradi centigradi. Attualmente l'incendio nel sottosuolo è ancora attivo e si calcola che lo sarà ancora per centinaia di anni; alcune persone ancora abitano la cittadina, divenuta ora una sorta di lugubre attrazione turistica.
Fonte: Wikipedia

 Geograficamente parlando HELLSGATE è sita nella contea di Columbia, nello stato della Pennsylvania, tra la regione dei Grandi Laghi e l’Oceano Atlantico.
 Hellsgate confina a nord con Eerierock, località boschiva entro la quale troviamo Coldlake, lago che negli anni ha attratto tantissimi turisti in cerca di un po’ di avventura (come Hellsgate, entrambi i luoghi sono inventati).
 Hellsgate ormai è considerata una città dormiente ed è stata cancellata da tutte le mappe e cartine stradali esistenti. Pochissime le notizie sulla città, tutto ciò che si riesce a reperire è conservato a Gettysburg, una specie di memoria comune, un “monumento commemorativo” per il gruppo di improvvisati coloni che lasciò Gettysburg per cercare la salvezza altrove.
 Impossibile entrarci se non si è “attesi”… è anche impossibile uscire una volta entrati. Che cosa nasconde Hellsgate?
 La verità sugli architetti e ciò che avvenne dopo la morte di Christipher Carter la scoprirete solo leggendo i vari racconti.
Volete inoltre sapere chi è Logan Cooper? Vi basterà leggere lo Spin-off gratuito che uscirà tra Febbraio e Marzo per scoprirlo!

Volete conoscere Hellsgate?
Allora leggete le sue storie!

giovedì 16 gennaio 2014

Uscita Il Ciliegio Edizioni: Io, Liam di Antonella Albano

Chiudo la lunga carrellata di ultime uscite che vi ho presentato oggi con un bel libro sui vampiri romance pubblicato da Il Ciliegio Edizioni

 Io, Liam
Antonella Albano
Il Ciliegio Edizioni
 € 17,00 - 304 pg
Liam viene da lontano, dall’Irlanda del VII secolo d.C. ed è destinato a una vita innaturalmente lunga. Elisa è una giovane donna moderna, che vive un vuoto colmabile solo dal suo amore per il canto. Nella vita di Liam sembra esserci posto unicamente per la vendetta e il sangue; una promessa, però, fatta a Cathal, suo amico fraterno, lo accompagnerà lungo i secoli, fino a che il cerchio non si chiuderà una volta per tutte. Il suo progetto verrà sconvolto proprio dall’incontro con Elisa, e da un nemico implacabile che minaccia tutto ciò che imprevedibilmente è giunto ad amare. Mantenere un basso profilo, non indulgere all’amore o all’odio, era stato fondamentale, ma non ci era sempre riuscito. Si era nascosto in posti impervi anche umanamente, cambiando luogo ogni volta che la sua perdurante giovane età veniva notata. Si era illuso che la vita potesse avere un senso ma aveva finito per lavarsi via dal cuore ogni sentimento profondo. E proprio ora qualcuno veniva a togliergli le ragnatele dall’anima.

Intrigante non credete?

Uscita Nativi Digitali Edizioni: Valerie Sweets- La gente mi chiede perchè bevo di Manuel Marchetti

Ultima uscita anche per Nativi Digitali Edizioni, un poliziesco a tratti fantasy con una protagonista molto particolare

 Valerie Sweets
La gente mi chiede perchè bevo
Manuel Marchetti
Nativi Digitali Edizioni
 € 0,99 - 188 pg
"La gente mi dice «Smetti di bere o ci resterai secca!».
Se solo sapessero cosa devo affrontare,
saprebbero che ho ben più possibilità di essere uccisa da altro,
non da degli stupidi e innocui alcolici,
che non mi hanno mai fatto male. O quasi."
Dura la vita per Valerie Sweets, tenente nella Polizia di Cold Hill che ogni giorno deve tenere a bada criminali e maniaci. È proprio per questo che beve, e tanto: per dimenticarsi delle pallottole, sparate e ricevute, e per cacciare via i fantasmi. Ed è proprio al Rusty Bar, il posto dove ama sbronzarsi, che inizieranno le grane serie per Valerie, che stavolta non si troverà contro i soliti scagnozzi e gangster, ma un nemico ben più temibile...
Sangue, sacrificio e tanti bossoli sul pavimento: questi sono gli ingredienti di “Valerie Sweets - La gente mi chiede perché bevo”, che vi introdurrà al caratterino dell'omonima protagonista, una "sbirra buona" con il vizio del whiskey e la cattiva abitudine a trovarsi in mezzo a storie più grandi di lei. Così, in questo primo capitolo della sua trilogia, Valerie vi racconterà le sue disavventure tra gang di farabutti vendicativi e colleghi troppo premurosi, ma addirittura fotografie che predicono il futuro e la consapevolezza che c’è qualcuno che non vede l'ora di raggiungere il nostro mondo per farlo diventare un vero inferno.

Non è il solito poliziesco, non è il solito fantasy, la storia di Valerie Sweets è entrambe le cose e molto di più. La volete scoprire? Preparatevi un bel bicchiere di roba forte, ne avrete bisogno... o altrimenti offritelo a lei, non rifiuterà.

Curiosi di conoscere Valerie?
Io si!

Uscita Dunwich Edzioni: Ultima, la città delle Contrade di Carlo Vincenzi

Ecco l'ultima uscita in casa Dunwich Edizioni, uno steampunk ambientato in Italia che riprende la tradizione del palio delle contrade

 Ultima, la città delle Contrade
Carlo Vincenzi
Dunwich Edizioni
 cartaceo € 9,90 - ebook € 2,49
342 pg

La guerra ha lasciato il mondo in ginocchio. L'umanità, divisa e in perenne conflitto, affida il potere alla fazione che si dimostra superiore alle altre. La vittoria è decretata nei giochi annuali che prendono un nome vecchio di secoli: il Palio delle Contrade.

Demetrio Deisanti, Campione dell'Occidente, viene gettato nel fango per qualcosa che non ha commesso, perdendo titolo e appartenenza. Chi sta uccidendo i Campioni delle Contrade? E che ruolo ha la donna dai capelli rossi incontrata da Demetrio il giorno in cui la sua vita è stata distrutta?


Inizia così il viaggio in un'Italia fatta di ingranaggi, tubi e vapore, dove l'incontro tra steampunk e tradizione si tinge di sangue, intrighi e competizione sfrenata.


Interessante non trovate?

Uscite Butterfly Edizioni: La vendetta di Dio - Nora e il bacio di Giuda - Acqua, torbidi segreti

Ecco le ultime uscite per la piccola ma prolifica casa editrice Butterfly Edizioni

La vendetta di Dio
Cristian Rossi
Butterfly Edizioni
€ 14,00 - 224 pg

Città del Vaticano, giugno 1980. In una stanza preclusa agli sguardi altrui, il Santo Padre è sul letto di morte, circondato da suore piangenti. Padre Gabriel, segretario del Pontefice, prega per lui tra le lacrime. Un salto indietro nel tempo: è il 1944 e Padre Gabriel è un giovane prete appena giunto in Italia per prendersi cura degli orfani della guerra. Sin dal giorno del suo arrivo, gli diviene chiaro quanto sia arduo e pericoloso il suo compito: custodire bambini figli di ebrei, e dunque di ricercati, è un reato e i soldati tedeschi non aspettano altro che una scusa per compiere efferati omicidi. Malgrado la sua fede incrollabile, Padre Gabriel non può che chiedersi: dov’è Dio quando il male serpeggia sulla Terra? Come può permettere la morte dell’innocenza?
Un romanzo crudo e sincero che riporta alla luce gli orrori delle guerre mondiali, il dolore, l’odissea di una madre alla ricerca del proprio figlio, il senso d’impotenza dell’uomo dinanzi alla propria autodistruzione. Una narrazione scorrevole e commovente che apre il cuore e che, pur con ferrea lucidità, non cede nulla della sua intima tenerezza.

martedì 14 gennaio 2014

Recensione: Losing it di Cora Carmack


Losing It (#1)
Cora Carmack
Edizioni Anordest
€ 13,90
269 pg


Bliss Edwards ha ventidue anni e le manca solo un semestre per finire il college. È intelligente e carina, ma tremendamente timida e insicura. Questa sua insicurezza la rende goffa e in particolare con i ragazzi non sa davvero come comportarsi. In più c'è un problema: è l'unica tra le sue amiche ad essere ancora vergine. Anzi, per lei non è esattamente un problema, però quando lo confessa a Kelsey, la sua migliore amica, questa non le lascia scelta: la situazione dev'essere risolta a tutti i costi. E il modo più veloce e semplice per perdere la verginità è l'avventura di una notte. Ma il suo piano si rivela tutt'altro che semplice. Quella sera Bliss incontra Garrick, un ragazzo stupendo con cui scatta subito una forte attrazione, ma arrivata al dunque, Bliss scappa via con una scusa a dir poco strampalata. Come se la cosa non fosse stata già abbastanza imbarazzante, il giorno dopo, a lezione, scopre che in realtà Garrick è Mr. Taylor, il suo nuovo professore di teatro...

Quando Bliss confessa alla sua migliore amica di essere ancora vergine alla veneranda età di quasi 22 anni, lei decide di farle colmare questa grave lacuna immediatamente e la porta in un pub dove rimorchiare qualcuno che possa aiutarla a risolvere la faccenda. Quando poi quel qualcuno si rivela essere un inglese dagli occhi di ghiaccio, i biondi capelli, amante di shakespeare e loro professore durante l’ultimo semestre di college Bliss vorrebbe essere sepolta seduta stante nel teatro dove si trovano. Anche perché la questione non è stata affatto risolta dato che la ragazza arrivata al dunque è fuggita lasciando il ragazzo nudo e “pronto” nel suo letto mentre lei si nascondeva mezza nuda tra le siepi della sua stessa casa. Quella che doveva rivelarsi l’avventura di una notte si rivela invece una storia ricca di momenti imbarazzanti, sguardi rubati e di una gatta grigia a cui  stato affibbiato l’insolito nome di Amleto. Se il sesso può fare paura, un amore proibito può assolutamente terrorizzare.
Volevo strisciare in un buco e morire.
Volevo strisciare in un buco in fondo a un burrone, essere sotterrata da una valanga e poi morire.
Volevo ….piangere.