giovedì 27 marzo 2014

Recensione: Ti aspettavo di J. Lynn


Ti aspettavo (Wayt for You #1)
J. Lynn
Nord
€ 16,40
396 pg

L'università è la sua via di fuga. Per cinque lunghi anni, dopo quella maledetta festa di Halloween, l'esistenza di Avery Morgansten è stata un incubo, ma adesso lei può finalmente ricominciare da capo. Tutto ciò che deve fare è arrivare puntuale alle lezioni, mantenere un profilo basso e - magari riuscire a stringere qualche nuova amicizia. Quello che deve assolutamente evitare, invece, è attirare l'attenzione dell'unico ragazzo che potrebbe mandare in frantumi il suo futuro... Cameron Hamilton è il sogno proibito di tutte le studentesse del campus: fisico atletico e ammalianti occhi azzurri, è il classico ribelle, dal quale una brava ragazza come Avery dovrebbe tenersi alla larga. Eppure Cam pare proprio spuntare ovunque, col suo atteggiamento disincantato, le simpatiche punzecchiature e quel sorriso irresistibile. E Avery non può ignorare il fatto che, ogni volta che sono insieme, il resto del mondo sembra scomparire, e lei sente risvegliarsi una parte di sé che pensava di aver perduto per sempre. Ma, quando inizia a ricevere delle e-mail minacciose e delle strane telefonate notturne, Avery si rende conto che il passato non vuole lasciarla andare. Prima o poi la verità verrà galla e, per superare anche quella prova, lei avrà bisogno d'aiuto. Ma la relazione con Cam sarà la colonna che la sorreggerà o lo "sbaglio" che la trascinerà a fondo?


Primo giorno di college, una nuova città, una nuova casa, una nuova scuola, un luogo dove si può ricominciare da capo lasciandosi il passato alle spalle. La nuova vita di Avery inizia con uno scontro mentre si sta precipitando al corso di astronomia pregando di non essere in ritardo. Oggetto dello scontro è un ragazzo moro con degli splendidi occhi azzurri, decisamente uno dei più affascinanti esemplari del campus. Un incontro voluto dalle stelle si potrebbe dire, anche se Avery cerca disperatamente di fuggire dalla corte simpatica, divertente, dolce, romantica e serrata che il ragazzo le sta facendo. Quanto tempo però Cam potrà aspettare fino a che Avery decida di affrontare i propri sentimenti e lasciarsi andare?
Primo libro di una serie New Adult, che si prospetta lunga e ricca di personaggi per J. Lynn, pseudonimo della scrittrice Jennifer L. Armentrout di cui ho già avuto modo di parlare in merito alla serie Lux edita in Italia dalla Giunti e molto amata in America per la serie Covenant, che spero presto arriverà anche sui nostri scaffali. Decisamente la Lynn, o Armentrout che dir si voglia, è capace di scrivere delle storie che fanno breccia facilmente nel cuore delle sue lettrici, innanzitutto per lo stile semplice e lineare, che permette quindi una lettura veloce e non troppo impegnativa, ma soprattutto grazie ai personaggi che è in grado di creare. In questo primo libro della serie incontriamo Avery e Cam.
Avery ha una brutta storia alle spalle di cui non vuole parlare e che la tormenta da quasi cinque anni tanto da costringerla a fuggire dalla sua città, dalla sua famiglia e dalla totale assenza di amici, ancora oggi pur avendo cercato di tagliare i ponti qualcuno continua a tormentarla impedendole di andare avanti. Avery è silenziosa, malinconica, chiusa, pur desiderando cambiare e lasciarsi tutto alle spalle non riesce a fare a meno di continuare a tormentarsi. Avery sopravvive, non vive. Al contrario Cam è una vera forza della natura, solare, spigliato, circondato da amici e donne soprattutto, con una famiglia che ama e lo ama, per cui ha rischiato molto per proteggerla, eppure non appena conosce Avery il desiderio di entrare a far parte della sua vita è così forte da accettare tutto di lei, i suoi silenzi e i suoi segreti. Avery e Cam sono come l’ombra e il sole. Per quanto Avery alla fine decida di accettare l’amore e i sentimenti per questo ragazzo, appassionato di uova e biscotti, solo affrontando finalmente il suo passato sarà in grado di vivere pienamente e contraccambiare i sentimenti di Cam.
La storia tratta tematiche abbastanza forti e che danno certamente da riflettere, resta comunque, almeno per quel che mi riguarda, una lettura molto leggera e scacciapensieri oserei dire, proprio per la velocità con cui si legge e la consapevolezza che alla fine ci sarà certamente un per sempre felici e contenti. Per quanto abbia apprezzato molto la storia non sono riuscita farmi risultare particolarmente simpatico Cam (adesso rischio il linciaggio), in sintesi la Lynn tratteggia con cura e attenzione Avery, i suoi stati d’animo e i suoi sentimenti, ma non fa lo stesso con gli altri personaggi che restano come di contorno ai due personaggi principali. Cam l’ho trovato troppo perfetto, il fidanzato perfetto sotto ogni aspetto, disponibile, gentile, divertente, altruista, bello come il sole, insomma troppo stereotipato per essere credibile, forse se avesse mandato a quel paese qualche volta in più Avery avrebbe riscosso maggiormente le mie simpatie, quel chiamarla continuamente Tesoro poi di certo non ha giovato. Credo comunque che una sua mancanza di caratterizzazione sia dovuta anche al fatto che il secondo libro della serie riprende gli avvenimenti del primo narrati dal punto di vista del ragazzo e può darsi che sia questo il motivo per cui in queste pagine il suo carattere non riesce ad emergere.

Sono ancora alla ricerca del libro della Lynn/Armentrout che mi stupisca e lasci senza fiato (anche se adoro Daemon della serie Lux) ma di certo consiglio questa serie a chi cerca una lettura leggera e veloce, sicuramente non troppo impegnativa.

Voto: un amore che salva

8 commenti:

  1. Cammmm lo prendo io, non c'è problema, mi sacrifico :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai notato che solo un uomo ci contendiamo? :D

      Elimina
  2. Anch'io ho trovato Cam troppo perfetto e la prima metà del romanzo non è assolutamente niente di che, anzi è quasi noiosa :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cam è veramente il principe azzurro che esiste solo nei libri! Non l'ho trovato noioso ma decisamente mi aspettavo di più!

      Elimina
  3. Mmm non so, dopo la delusione della serie Lux (ho letto solo Obsidian) non sono più così invogliata a leggere altro di suo, però boh magari gli darò una possibilità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ti è piaciuto Obsidian e Daemon è decisamente molto meglio di cam, allora non te la consiglio almeno che tu non voglia proprio una lettura senza impegno! Questi libri New adult ancora non li ho capiti del tutto! comunque sto leggendo la Hoover molto meglio!

      Elimina
  4. Anch'io ho trovato i personaggi secondari troppo poco caratterizzati...mi sembrava servissero a fare solo da sfondo! E anche Avery non mi ha proprio convinta del tutto...a volte i suoi atteggiamenti mi sembravano un po' contraddittori!! :) L'unico che mi è piaciuto è Cam, anche se sì, effettivamente è un po' troppo perfetto...però non mi lamento!! :D
    Alla fine è stata una lettura piacevole, ma non mi ha entusiasmata quanto avrei sperato!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avery ha subito un trauma molto forte quindi i suoi atteggiamenti li posso capire, non è sicura di quello che vuole, è spaventata, fortunata che sulla sua strada ha trovato il perfetto cam che l'aiuta! anch'io speravo in qualcosa di più che non c'è stato!

      Elimina