venerdì 19 aprile 2013

Recensione : Sull'orlo del Vespro di Amina Havet


Sull'Orlo del Vespro
Amina Havet
€ 9,00 (cartaceo)
319 pg


La noiosa vita di Cristopher Lancaster e del suo amico Edward Post viene messa a soqquadro quando il passato del ragazzo si fonde con il suo presente. Colpito da una pesante maledizione che lo costringe a vivere di notte e nascondersi di giorno, Cris ha trascorso la sua esistenza occultando la sua identità e cacciando creature soprannaturali. Tra colpi di scena e situazioni al limite del verosimile, il nostro protagonista dovrà affrontare la sua più grande paura per liberarsi dalla maledizione e proteggere le persone a lui più care.



Quante volte vedendo passare un gatto nero avete fatto gli scongiuri o aspettato prima di attraversare la strada? Mai pensato ai sentimenti di quel povero gatto che vi vede terrorizzati al suo passaggio? E se invece di un gatto fosse un ragazzo a cui la maledizione di una strega da qualche centinaio di anni impone di assumere tali sembianze al primo raggio di sole per poi poter ritornare uomo solo all’approssimarsi del vespro?

Questa è la storia di Cristopher, gatto di giorno e ragazzo di notte, che caso strano lavora come guardiano notturno per una clinica veterinaria, ma è anche la storia del suo amico Edward che, per aver infranto con il suo bel faccino un cuore alquanto vendicativo, è stato maledetto con l’impossibilità di potersi specchiare o riflettere in qualsivoglia superficie o specchio d’acqua! I due ragazzi trascorrono le giornate della loro immortalità nella città eterna almeno finchè non scende la sera, allora si improvvisano cacciatori di demoni, streghe, vampiri e folletti in modo tale da eliminare la magia dal mondo così che altri non possano subire il loro stesso supplizio. Fino al giorno in cui Cristopher non incappa in Sophie, capelli neri ed occhi indaco, una ragazza un po’ distratta che sembra capace di calamitare ogni sorta di pericolo magico, oppure forse non è una coincidenza il suo continuo scontrarsi con esseri soprannaturali. Cristopher sa solo che è difficile stare lontano dalla ragazza, sia come uomo che come gatto, purtroppo però le ombre del suo passato tornano a cercarlo imponendogli una decisione difficile. Deve fidarsi del suo cuore o della sua mente?
Sull’orlo del vespro come già si intuisce dalla allegra copertina e dal booktrailer realizzato dall’autrice è un libro semplice, simpatico e rivolto ai giovanissimi. Come molti libri auto pubblicati la prima cosa di cui necessita è indiscutibilmente un buon lavoro di editing con la correzione di diversi refusi (ma il personaggio X è un “elementare” o “elementale”), la correzione di forme verbali e alcuni errori di contesto, però passando sopra questi problemi il libro si legge velocemente ed assolutamente godibilissimo. Mi sono molto piaciuti i personaggi principali come Cristopher e Sophie, anche se sul finale avrei preso a calci Cris per la scelta presa e la sua cocciutaggine. Anche Edward e Claretta sono interessanti però rimangono un pochino ingessati nei loro ruoli: il latin lover, ricco e spocchioso, e la cuoca scaramantica e impertinente. I loro battibecchi a volte mi sono sembrati un po’ forzati, così come le fissazioni di Claretta troppo esagerate. Si è sentita la mancanza di qualche personaggio secondario e soprattutto avrei voluto conoscere qualcosa in più del passato dei protagonisti. Inoltre a volte alcuni avvenimenti sono stati dati troppo scontati e avrebbero necessitato di un maggior approfondimento. Per esempio avrei voluto conoscere qualcosa in più su Calliope, il suo essere strega e perché, visto che in questa storia le donne decidono di diventare streghe stringendo patti con i demoni, sui suoi poteri, sull’anello che è ritornato così utile a Cris e sul perché tanto accanimento su Sophia. Penso comunque che l’autrice programmi un seguito per questo volume e che quindi tali interrogativi possano trovare risposta in quello. Per quanto riguarda il mondo magico descritto ritroviamo quindi la strega nella sua accezione prettamente negativa ed insieme a lei i folletti che fanno dispetti agli uomini, vampiri in cerca di sangue e geni delle lampade perdute in antiche fontane romane. La storia non riserva grandi sorprese, almeno per un lettore accanito di urban fantsay e YA, però come già dicevo risulta una lettura capace di farti trascorrere qualche ora in spensieratezza e strapparti qualche sorriso.
Consigliato per una piccola evasione!

Voto: Piacevole Passatempo


13 commenti:

  1. Davvero molto carino... credo di aver proprio bisogno di un libro così e sono contenta di poterlo leggere presto ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora poi voglio conoscere la tua opinione!!!

      Elimina
    2. Anche io sono molto curiosa ;)

      Elimina
  2. ç_ç anche io sono curiosissima! Non me lo ha mandato ç____ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sarò felice di mandarti una copia omaggio e sapere la tua opinione ;)

      Elimina
    2. contenta violet? desiderio avverato :)

      Elimina
    3. Grazie milleeeee >w< davvero!!!! Sono felicissima!

      Elimina
  3. Ciao,
    ho letto la recensione e preso nota di tutto ;)
    Questo romanzo è nato una sera d'inverno e da allora non sono più riuscita a smettere di scrivere su Cristopher ed Edward, tuttavia durante la stesura non ho mai pensato a un seguito se non nell'ultimo capitolo.
    Tutte le domande e tutti i personaggi verranno sviluppati nei prossimi libri :)

    Sono contenta che il libro ti sia piaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S.
      Dimenticavo: elementale (con la L ^___^)

      Elimina
    2. sono contenta che la mia recensione ti sia piaciuta!! pensavo che fosse con la L ma ogni tanto mi veniva il dubbio! allora aspetto il seguito!!!

      Elimina
  4. sono troppo curiosa...lo preso un po' di tempo fa:)devo leggerlo presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed io sono curiosa di sapere tu che cosa ne pensi!

      Elimina